Ricevi le News come preferisci

Calendario Eventi su

Cerca nel blog

Contatti

Contatti
05 ago 2013

Turismo in ripresa nel VCO. A Verbania, Stresa, Baveno, Cannobio, Cannero Riviera l'80% delle presenze

Partiamo dalle tendenze: il ‘mordi e fuggi’, piace un pò a tutti! Sia italiani che stranieri prediligono la vacanza low cost di 3 o 4 giorni al massimo. Ma se in montagna il turismo è targato made in Italy, nella ‘bassa’ sono gli stranieri ad apprezzare di più il paesaggio lacuale, e nei campeggi, più che in tutte le altre strutture, l’80% delle prenotazioni è da parte di turisti olandesi,seguono tedeschi, francesi e svizzeri. Sono proprio i

campeggi quelli che lavorano di più, soprattutto da luglio, che fa registrare più o meno ovunque, il tutto esaurito.

Secondo l’analisi della Camera di Commercio del Vco, che ha focalizzato la raccolta dati, sui 5 comuni di lago e di montagna, più turistici della Provincia.Verbania, Stresa, Baveno, Cannobio, Cannero Riviera hanno registrato nel 2012 oltre 2,2 milioni presenze turistiche, pari all’80% del totale VCO. I cinque comuni di montagna, Domodossola, Macugnaga, Santa Maria Maggiore, Crodo, Formazza, circa 193.000 presenze, ovvero il 7% del totale. 

Lago o montagna non fa differenza: la stagione di punta resta l’estate. Il periodo maggio-ottobre è preferito da quasi 9 turisti su 10 (zona lago) e da quasi 7 su 10 (zona montagna). In montagna, primi di giugno e di luglio, sono stati tendenzialmente ‘a corto’ di prenotazioni, questo, a causa delle precipitazioni di neve in bassa quota, che ha portato a diverse cancellazioni. Dalla metà di luglio in poi, un leggero miglioramento per arrivare al mese di agosto con l’80% delle prenotazioni e già alcune in vista di settembre. 

Da segnalare, in tal senso, l’attesissimo appuntamento con il raduno degli Spazza Camini, che a Santa Maria Maggiore, ma anche nelle zone limitrofe fa registrare un esponenziale aumento dei pernottamenti. Penalizzata invece la Valle Formazza che quest’anno, per motivi di budget non ha potuto ospitare l’apertura di Fiori di Fuoco, lo spettacolo pirotecnico che negli anni passati ha attirato ai piedi delle Cascate del Toce, milioni di spettatori. Scendiamo a Domodossola, buono, il mese di luglio, con un 70/80% di affluenza turistica, meno bene agosto con il calo della così detta ‘clientela businnes’, legata al lavoro. Stresa e Baveno, gettonatissime dagli stranieri, che prenotano per 3-4 notti e che a luglio ed agosto hanno fatto registrare già un buon 95% di prenotazioni. Meno pieni, ma di poco, gli alberghi a Verbania in questo mese, ma a settembre si registra già ‘l’overbooking’ in diverse strutture. In linea con i dati anche Mergozzo e il Lago d’Orta, che ad Omegna con la festa di San Vito, attira più italiani a differenza delle località sul Lago Maggiore. Quest’anno meno turisti, invece ad Arona, con un 50% delle strutture occupate, tendenza legata alla posizione della provincia novarese che bene si difende con la sua via dello shopping, soprattutto in questo mese di saldi ma che registra più prenotazioni nel periodo in cui ripartono le attività commerciali.
(Da VcoAzzurraTv; foto Distretto Laghi)

0 Commenti:

Posta un commento

Il commento verrà pubblicato non appena sarà stato approvato dal moderatore. Grazie