Ricevi le News come preferisci

Calendario Eventi su

Cerca nel blog

Contatti

Contatti
05 ott 2011

Il primo Oscar della cucina illumina la notte di Stresa: Premi al Des Iles Borromées e al Capricci di Capri

Nasce a Stresa l’«Oscar» della cucina italiana. In un momento di difficoltà e crisi economica la delegazione di Milano dell’Accademia della cucina ha creato il premio «Award Luigi Carnacina» un riconoscimento che viene assegnato a quei ristoranti che sanno distinguersi per la buona cucina, ma anche per il servizio e il senso di ospitalità che viene offerto al cliente. La presentazione del premio e la prima assegnazione si sono tenuti a Stresa. Una scelta non casuale dal

momento che Luigi Carnacina, uno dei più grandi cuochi e direttori d’albergo italiani, autori di libri dedicati alla gastronomia e all’ospitalità alberghiera, fu direttore dell’Hotel des Iles Borromées. Il prestigioso hotel di Stresa è stato, insieme al ristorante «Capricci» dell’Hotel Blu Capri, il primo a ricevere l’importante riconoscimento.

La giuria era presieduta da Alberto Gozzi, consulente della Alessi, ex-docente della scuola alberghiera «Maggia» di Stresa e sovraintendente delle attività di cucina del Quirinale con tre presidenti della Repubblica: Oscar Luigi Scalfaro, Carlo Azeglio Ciampi e sino a pochi mesi fa anche Giorgio Napolitano. «E’ stata un’idea intelligente istituire un premio in ricordo di Luigi Carnacina, il grande maestro della cucina e dell’ospitalità italiana - dice Gozzi - la scelta di dare questo premio al Des Iles di Stresa ed al Capricci di Capri è ineccepibile. 

Sono due prestigiosi alberghi nei quali si pratica da sempre la grande cucina, ma soprattutto sono hotel e ristoranti in cui il servizio, l’ospitalità, sono una eccellenza. Un distintivo che tutti gli alberghi, grandi e piccoli, in Italia dovrebbero avere considerato che il turismo è la prima industria del nostro Paese». 

A ricevere l’Award sono stati Marco Padulazzi per il Grande Hotel des Iles Borromées e Marco Dolcino del Caprici di Anacapri.

La proposta di Gozzi di portare il premio a Stresa è legata sia al fatto che il Lago Maggiore rappresenta il punto di massima espressione del turismo piemontese e tra i luoghi più prestigiosi in Italia, ma anche al fatto che nel 1935 si svolse, proprio al des Iles, il vertice di capi di Stato di Italia, Francia e Inghilterra. Fu Mussolini, che ben conosceva le capacità di Luigi Carnacina direttore del prestigioso albergo di Stresa, a chiedergli di organizzare l’incontro. Che almeno sotto il profilo gastronomico fu un successo. (Di V.A. su La Stampa)

0 Commenti:

Posta un commento

Il commento verrà pubblicato non appena sarà stato approvato dal moderatore. Grazie